img
Spettacolo

Carlà, da première dame a super mamma tra i vip

Dismessi i panni di première dame di Francia, Carla Bruni ha scelto di fare la mamma, concentrandosi solo sulla sua piccola Giulia, venuta al mondo appena un anno fa. Uscita definitivamente dal portone dell’Eliseo l’ex top model piemontese si dedica ora alle faccende di casa godendosi la figlia il più possibile, sempre però in terra di Francia. Attenta e super protettiva, Carlà è stata sorpresa dal settimanale Gente all’uscita dallo studio medico del pediatra della bimba. Sorridente e marcata a vista dal bodyguard, la moglie di Nicholas Sarkozy si è anche concessa una passeggiata con la figlia, senza preoccuparsi troppo di sguardi indiscreti.

Dopo il trasloco dall’Eliseo, Carlà, Sarkò e la bella Giulia si sono trasferiti in una delle zone residenziali più chic e costose di Parigi, nel XVI arrondissement della capitale. L’ex coppia presidenziale si è trovata vicina di casa della cantante Celine Dion e dell’attaccante svedese del Paris Saint-Germain Ibrahomovic, ma anche di potenti industriali come Vincent Bollorè e Arnaud Lagardere, vip e personaggi dello “star system”. Abbandonati i panni formali da premiere dame, Carlà è anche ritornata alla sua musica, con la preparazione del suo quarto album.

Il lavoro discografico contiene brani che potrebbero far discutere, una canzone dedicata all’odiata categoria dei giornalisti, cui la Bruni rimprovera innumerevoli malignità, nonché un brano che si ispirerebbe al marito Nicholas. Il progetto del disco è iniziato prima della gravidanza di Carlà, ma si è dovuto interrompere per un po’ proprio per l’arrivo della piccola Giulia in casa Sarkozy. Pochi giorni fa, poi, la Bruni è tornata sotto i riflettori in veste di banditrice d’asta per una buona causa. A Beaune, in Borgogna, la modella e cantante italo-francese è riuscita a vendere una botte da 350 litri di vino Corton Grand Cru Charlotte Dumay per l’incredibile cifra di 270mila euro. Il ricavato sarà in parte devoluto alla Fondazione Bruni-Sarkozy.

Articolo di Alessandra Ariagno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo