img_big
News

Altri guai per Cota: Progett’Azione esce dalla maggioranza

Ora alla maggioranza di Roberto Cota rimane solo un’unità di vantaggio: 31 consiglieri sui 60 dell’aula, il che significa che per far passare i provvedimenti – o addirittura per mantenere semplicemente il numero legale – servirà la presenza costante a Palazzo Lascaris dello stesso Cota e dei quattro assessori (Casoni, Giordano, Maccanti, Sacchetto) che conservano il posto in Consiglio. Ago della bilancia potrebbe essere addirittura il leader dei Pensionati, Michele Giovine, fermo restando che, come in altre occasioni, il governatore potrebbe contare sul voto amico dei due esponenti Udc.

Tutto questo perché i cinque consiglieri di Progett’Azione, i “ribelli” Pdl che si sono costituiti in partito autonomo, hanno annunciato l’uscita dalla maggioranza, seppur adottando la formula diplomatica della «non sfiducia» a Cota. Lo hanno precisato in una nota firmata, oltre che dal capogruppo Angelo Burzi, dagli altri consiglieri Boniperti, Tentoni, Valle e Vignale.

L’articolo di Andrea Gatta su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo