img_big
News

Allarme sull’assistenza «Nel bilancio del 2013 tagliati 19 milioni di euro»

C’è addirittura il timore per gli stipendi dei dipendenti, oltre che per i pagamenti delle aziende fornitrici. E il taglio di 19 milioni di euro annunciato alle risorse del 2013 non aiuterà l’attività dei consorzi socio-assistenziali (e della Città di Torino, che ha la competenza) già alle prese con le riduzioni dei trasferimenti regionali degli anni passati. L’assessore alla Sanità Paolo Monferino si difende, ricordando che «il Governo ha praticamente azzerato la propria quota di contributo». Insomma, spiegano anche dall’assessorato, si è costretti a fare «i salti mortali per far quadrare i conti». Il capogruppo Pd Aldo Reschigna vede invece «un taglio inaccettabile, visto che i consorzi aspettano ancora i saldi del 2011, non stanno pagando le aziende che forniscono i servizi e rischiano di non pagare neanche gli stipendi dei loro dipendenti. Un taglio di tali proporzioni affosserebbe le politiche sociali a Torino e nel resto del Piemonte».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo