img_big
Cronaca

Vincere è un’illusione ma troppi ragazzini finiscono in trappola

Sono 950 i piemontesi in cura nei servizi per le dipendenze. Una via di fuga dalla crisi economica e dai problemi quotidiani, il gioco d’azzardo, ma spesso con un risvolto che fa tremare: il suicidio, e succede quando alla lunga scommettere diventa patologico (e i “giocatori patologici” sono il 3% della popolazione), quando non si ha più una casa dove ripararsi, quando gli usurai continuano a “batter cassa”.

Una volta dalla folta platea di un convegno sul gioco d’azzardo un sedicenne si è alzato in piedi e ha ammesso: «Io sono un giocatore patologico delle slot machine. Ho bisogno di aiuto». Questo significa che l’identikit del giocatore patologico non risponde solo all’uomo di età media 35 anni, ma ci sono anche i minorenni, travolti dai giochi on line.

La proposta di legge di Gianluca Vignale in Regione mira a limitare i messaggi pubblicitari e di marketing sul gioco d’azzardo, promuovere iniziative di formazione per gli esercenti per prevenire gli eccessi nel gioco d’azzardo, e consentire ai giocatori patologici e ai loro familiari il diritto alla cura.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo