img_big
Cronaca

Il ministro Fornero: “La Fiat non licenzi i diciannove di Pomigliano”

Il governo invita la Fiat alla ragionevolezza su Pomigliano. Il ministro del Welfare Elsa Fornero «invita la Fiat a soprassedere all’avvio della procedura di messa in mobilità del personale (a Pomigliano) in attesa della verifica di una possibilità di dialogo che non riguardi solo il fatto specifico, ma l’insieme delle relazioni sindacali». Il ministro del Welfare, esprime rammarico e preoccupazione.

In precedenza era stato il ministro dello Sviluppo Corrado Passera ai microfoni di SkyTg24, rispondendo proprio a una domanda sui 19 lavoratori che la Fiat ha deciso di mettere in mobilità per fare posto agli operati reintegrati a Pomigliano dal giudice del lavoro a spiegare che «Ovviamente non entro nel merito di decisioni interne ad ogni azienda. Certamente non mi è piaciuta la mossa che è stata fatta. Però, ripeto, azienda libera e se la vedono al loro interno. Certamente è stata una buona notizia la conferma di non voler chiudere impianti in Italia. Faremo il possibile perché non siano impianti quasi fermi come sono oggi. Le nostre misure vanno proprio nella direzione di rendere più produttive e competitive le imprese manifatturiere in Italia». Come governo, nel confronto con l’azienda, ha aggiunto «faremo il possibile perchè gli impianti siano attivi e produttivi, non fermi come ora». Il tavolo di lavoro per potenziare l’export, ha concluso Passera, «va proprio nella direzione di rendere più competitivi gli impianti manifatturieri».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo