img_big
News

Crolli, crepe nei muri e termosifoni spenti: «Ecco le nostre aule» (video)

Lunedì e martedì hanno seguito le lezioni al freddo, seduti ai loro banchi con cappelli, sciarpe e cappotti. Dopo due giorni, però, hanno detto basta. E ieri mattina, al suono della campanella, più di 200 studenti del Majorana sono rimasti fuori dall’istituto di via Frattini. Alcuni sono tornati a casa, altri si sono sdraiati nell’atrio con coperte e termos di the caldo.

Una protesta simbolica, per attirare l’attenzione su una struttura che deve fare i conti con diversi problemi. Il riscaldamento riparato in estate che non funziona da tre giorni, i 15 gradi registrati ieri mattina nelle 24 aule dell’ala nord, infatti, sono soltanto la cosiddetta “ultima goccia”. Quella che ha fatto traboccare un vaso segnato – è proprio il caso di dirlo – da troppe crepe. Ferite nei muri molto estese e profonde (in alcuni casi si vede la luce dall’altra parte), proprio nella porzione di edificio più recente. E poi muri che cadono a pezzi, davanti all’aula magna e in palestra.

L’articolo completo di Stefano Tamagnone – tamagnone@cronacaqui.it su CronacaQui in edicola. Qui sotto il video.

Per le vostre segnalazioni, reporter@cronacaqui.it

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo