News

De Tomaso, preso il falso broker Bentley con i soldi del ministero

Con una Bentley nuova di zecca sulla Riviera Adriatica insieme con le fidanzate per una vacanza lunga e senza badare a spese. L’auto di lusso e gli hotel a cinque stelle pagati in contanti grazie al compenso ottenuto per aver procurato alla proprietĂ  della De Tomaso, con una falsa fidejussione, i quasi otto milioni di euro di finanziamento pubblico.
E poi una parcella di un milione e mezzo che Ramon Rotini e Christian Limonta avevano incassato per i loro servigi che alla fine sarebbero risultati truffaldini. Così ieri, accertati i contorni della vicenda, la Guardia di Finanza, su richiesta della procura, ha arrestato Rotini sequestrandogli anche i beni acquistati con i proventi che la De Tomaso gli aveva “girato” una volta ottenuto il finanziamento. Tre auto di lusso (intestate ad una societĂ  lombarda, ma in uso ai genitori di Rotini), una potente motocicletta e alcuni immobili (appartamenti e terreni). I magistrati contestano al broker assicurativo di aver ricoperto un ruolo primario nella vicenda legata all’ottenimento della polizza falsa.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo