img
News

Dustin Hoffmann e la Gerini per il Tff. L’attore americano diventa regista

Conto alla rovescia per il Torino Film Festival che il 23 novembre alzerà il sipario sulla sua trentesima edizione e che per l’occasione sfodererà una location nuova di zecca. La manifestazione si sposta infatti, ma solo per la serata inaugurale, all’Auditorium del Lingotto, che per la prima volta dall’edizione di Nanni Moretti sostituisce il Teatro Regio, già super blindato dalla programmazione della stagione lirica. Qui dunque sarà srotolato il prestigioso red carpet che l’anno scorso, grazie all’appoggio della Film Commission Torino Piemonte, ha visto sfilare divi internazionali del calibro di Penelope Cruz e che in molti si augurano di vedere popolato dei propri beniamini anche quest’anno.

«Non possiamo ancora dire nulla circa le presenze vip sul nostro tappeto rosso – dichiara la vice direttrice del Tff Emanuela Martini – posso garantire però che ci saranno molte sorprese e che anche per questa edizione porteremo sul carpet ospiti importanti. Inoltre, dopo la consueta proiezione, ci sarà una grande festa per festeggiare tutti insieme questo trentesimo traguardo». E a battezzare questa edizione speciale ci penserà il film di Dustin Hoffman che il Festival ha scelto come pellicola di apertura, “Quartet” che è anche l’esordio dell’attore americano alla regia. A settantacinque anni infatti Hoffman passa dietro alla macchina da presa e porta sul grande schermo una commedia piena di humor, tenerezza, malinconia, eccentricità, dove il rap si mescola con Mozart e l’arte e la musica sono i rimedi infallibili per curare i disastri e le paure della vecchiaia. Madrina della serata è invece la bella Claudia Gerini, già recentemente a Torino per le riprese del film di Soldini “Il comandante e la cicogna”.

 Un’altra novità di questa edizione speciale è il nuovo spazio che la Regione Piemonte ha messo a disposizione gratuitamente per la kermesse all’interno della sede di Piazza Castello. Al pian terreno dell’edificio verrà infatti allestita l’area vip-lounge, che permetterà di avere più spazio per gli incontri con gli ospiti e darà modo agli ospiti stessi di avere una sala relax riservata solo a loro. La Regione sottolinea l’importanza dell’iniziativa anche in vista delle future edizioni, per le quali si vorrebbe trasferire una parte degli uffici proprio qui «per che continuare – come dichiara l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte Michele Coppola – quell’operazione di apertura verso le iniziative più diverse sulla quale lavoriamo già da tempo. Ci piacerebbe che così come è stato per gli Mtv Days o per Europa Cantat, nei prossimi anni questa sede diventasse un po’ il quartier generale del Festival».

Articolo di Caterina Taricano

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners