img_big
Cronaca

Scontri al G8 universitario, condanna per 17 studenti

Una assoluzione e 17 condanne, con pene comprese tra nove mesi e dieci mesi e quindici giorni di reclusione. Si è chiuso così, con questi numeri, il processo relativo agli scontri che si erano verificati tra studenti e forze dell’ordine durante il G8 dell’Università celebrato a Torino il 19 maggio 2009. Il pubblico ministero Roberto Sparagna aveva chiesto pene decisamente più alte, comprese tra due anni e sei mesi e due anni e otto mesi di carcere. Tra i condannati c’è anche il figlio di un giudice civile.

A seconda delle singole posizioni, i diciotto imputati erano accusati dei reati di resistenza aggravata, lesioni a pubblico ufficiale e travisamento. Durante la manifestazione, contro gli agenti era stato utilizzato anche un estintore: da qui la contestazione di concorso in porto abusivo di arma mossa a tutti gli imputati.

L’articolo completo di Giovanni Falconieri su CronacaQui in edicola il 17 ottobre

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo