img_big
News

“Tutti i santi giorni” di Virzì: «Inauguro un cinema nuovo»

«Non saprei come definire questo mio nuovo film e anche molti critici, pur parlandone bene, hanno avuto difficoltà a inserirlo all’interno di un genere specifico», così commenta Paolo Virzì la sua nuova creatura: “Tutti i santi giorni”, da oggi ufficialmente nelle sale italiane. Ad accompagnarlo nell’occasione della presentazione torinese sono stati i due protagonisti, Luca Marinelli (l’attore rivelato da Saverio Costanzo in “La solitudine dei numeri primi”, dove interpretava Mattia), la cantante Federica Victoria Caiozzo, in arte Thony e lo scrittore Simone Lenzi, autore del romanzo al quale Virzì si è ispirato per la pellicola.

«Non si tratta infatti di un adattamento fedele – dice a proposito il regista – bensì di una suggestione, di un punto di partenza che mi ha dato modo di costruire una storia più focalizzata sui personaggi e meno su un contesto corale, come invece sono solito fare». Il film è infatti uno spaccato della vita di una giovane coppia desiderosa di mettere al mondo un figlio. La sostanziale sterilità di lei li porta però a un’inevitabile crisi. A dispetto del soggetto la storia è molto lieve e divertente proprio perché Virzì riesce a mescolare risate e commozione con maestria, senza rinunciare alla rappresentazione delle problematiche del lavoro, purtroppo tristemente attuali.

Questa volta però il regista è concentrato soprattutto sul racconto dell’amore fra i due, che non vogliono porsi come metafora della situazione infelice del nostro paese, come invece spesso è capitato nei suoi nove film precedenti: «Io non cercavo due stereotipi – spiega ancora Virzì – ma due caratteri, due persone che potessero esprimere in modo moderno una certa poesia quotidiana e l’impaccio nel viverla». Questo approccio ha coinvolto anche tutti gli altri interpreti, che sono in larga parte dei non professionisti: da un’ostetrica a un ex partecipante del reality “Tamarreide”, fino alla stessa Thony (mai apparsa sullo schermo fino ad oggi) e all’attrice Micol Azzurro, che per conquistare la parte di Patrizia ha dovuto spacciarsi per un’estetista di Ostia.

L’articolo di Caterina Taricano

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo