News

Rifiuti e scritte neonaziste L’ex Moi è terra di nessuno

Spazzatura, degrado e vandalismi a sfondo nazista. Non se la passa bene l’ex Moi, che vive una situazione di abbandono che peggiora sempre più. Chiunque cammini per gli ex mercati ortofrutticoli all’ingrosso è preso da un vero senso di inquietudine: il luogo – passaggio obbligato per raggiungere, da piazza Galimberti, l’arco olimpico e arrivare al Lingotto – è così poco frequentato che si sente l’eco dei propri passi. E poi, voltato l’angolo, ecco il risultato dell’abbandono della struttura: “capolavori” dei writers, che hanno lasciato accanto alle vetrine sfregiate una serie svastiche e incivili messaggi di chiaro sapore neonazista. Il tutto “decorato”, a pochi metri di distanza, da una rassegna di rifiuti del più vario genere, ordinatamente ammassati sotto le arcate diventate terra di nessuno.

Se dall’Amiat precisano che l’ex Moi è solo parzialmente di loro competenza, la Circoscrizione afferma: «Abbiamo cercato di sopperire alla mancanza di pulizia e di sfalcio dell’erba, pur non avendo in gestione la struttura – spiega il vice presidente della Nove, Massimiliano Miano – Quest’estate siamo intervenuti a nostre spese per lo sfalcio in via Zini, pur non avendo noi in incarico quel tratto di strada. La stessa cosa faremo adesso per la rimozione dei rifiuti».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo