News

Rimborsi, gettoni e soldi ai gruppi Monti vuole risparmiare 10 milioni

Ha messo in allarme consiglieri e assessori il documento che circola a Palazzo Lascaris da venerdì scorso, la bozza del decreto del Governo sui tagli da imporre alle Regioni dopo gli scandali partiti dal Lazio. La scure in arrivo da Roma significherebbe una riduzione delle spese stimata dagli uffici di piazza Castello fra i 7 e i 10 milioni di euro l’anno, che si aggiungerebbero alle economie già attuate in questo biennio dall’assemblea piemontese.

A conti fatti non più dell’uno per mille di tutto il poderoso bilancio regionale, che pareggia a 9 miliardi di euro, sanità compresa. Ma la sforbiciata andrebbe a toccare nel vivo il portafoglio dei politici locali e il funzionamento dei gruppi sorpassando anche le più austere proposte arrivate nelle ultime settimane sulla scrivania del presidente del Consiglio Valerio Cattaneo. E così da via Alfieri si prova a lanciare un estremo sos: in questo modo, sosteneva ieri più di un capogruppo, non solo il lavoro del personale ma lo stesso funzionamento della macchina amministrativa sarebbe a rischio. Anche con queste motivazioni, e in attesa di veder pubblicata la versione definitiva del decreto nella Gazzetta ufficiale, ogni decisione sui tagli è stata rinviata a venerdì.

L’articolo completo su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo