News

Infiltrazioni mafiose nel basso Piemonte: assolti i 17 imputati

Sono stati tutti assolti «perché il fatto non sussiste». Sono i 17 imputati del processo denominato “Albachiara”, riguardante le presunte infiltrazioni della ‘ndrangheta nel basso Piemonte. Solo uno degli imputati, Bruno Pronestì, è stato condannato dal giudice torinese Massimo Scarabello alla pena di 1 anno e sei mesi di reclusione per il possesso di una pistola non registrata. La formula «il fatto non sussiste», pronunciata ieri in aula dal gup, «sta quindi a significare», come sottolineato con soddisfazione dalle difese, «che per il tribunale di Torino non sussiste la presenza di un’associazione di stampo mafioso nelle province del basso Piemonte». Nessuna mafia, insomma. O, meglio, nessuna associazione mafiosa, nonostante la presenza acclarata di personaggi legati in qualche modo alla ‘ndrangheta.

L’articolo completo su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo