img_big
News

Tutti i segreti di “Metropolis” in mostra alla Mole

Uno dei film dal maggiore impatto visivo nella storia del cinema, un’opera d’arte innovativa della prima metà del Novecento capace di ispirare nei decenni successivi i registi più all’avanguardia. “Metropolis”, opera d’arte del regista Fritz Lang, proiettato per la prima volta sul grande schermo nel 1927, torna finalmente sotto i riflettori, nella sublime cornice della Mole Antonelliana. Il Museo Nazionale del Cinema, infatti, da oggi al 6 gennaio 2013 sarà cornice della mostra “Metropolis. Il capolavoro ritrovato”. Una pellicola dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità, di cui solo nel 2008 a Buenos Aires è stata scoperta una versione quasi completa. Un progetto della Deutsche Kinemathek – Museum für Film und Fernsehen di Berlino, a cura di Peter Mänz e Kristina Jaspers.

In mostra, la sceneggiatura, la partitura della colonna sonora, i progetti architettonici e i bozzetti dei costumi, i disegni degli effetti speciali, gli accessori di scena e l’attrezzatura cinematografica, oltre a centinaia di fotografie delle riprese, realizzate durante la lavorazione. L’esposizione si sviluppa in senso verticale, partendo dall’Aula del Tempio con la ricostruzione in 3d della trasformazione del robot Maria, la “donna macchina” e lo spettacolare allestimento di 33 grattacieli. Sulla rampa elicoidale, il percorso di visita è un viaggio alla scoperta della città di Metropolis. Inaugurazione alle 19, mentre alle 21, al Cinema Massimo sarà presentato il film, con proiezione digitale 2k, nella versione sonorizzata con la partitura originale di Gottfried Huppertz (ingresso 7 euro). «È una delle mostre più affascinanti, impressionante come la storia di questo film» commenta il presidente del museo Ugo Nespolo. Una mostra che rappresenta anche l’inizio di un’importante collaborazione del museo con la Deutsche Kinemathek: «Ci hanno chiesto di collaborare anche ad una mostra su Martin Scorsese, con documenti mai visti – spiega il direttore Alberto Barbera -, che porteremo a Torino a inizio giugno 2013».

L’articolo di Alessandra Ariagno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo