img_big
Cronaca

Della Valle attacca la Fiat: “Elkann è troppo giovane, la famiglia investa oppure vada a giocare a golf”

Dopo l’attacco durissimo contro Sergio Marchionne e John Elkann di venerdì scorso, Diego Della Valle è tornato a parlare dagli schermi de «L’Infedele», la trasmissione condotta da Gad Lerner. Toni sicuramente più calmi, almeno all’inizio: « Non ho nulla di personale con Marchionne ed Elkann con i quali ho sempre avuto un ottimo rapporto almeno fino a venerdì». Ma l’imprenditore marchigiano sottolinea che la Fiat «non può dimenticarsi del Paese: un piano sbandierato ai quattro venti non può essere cancellato in un pomeriggio. Ci sono momenti in cui non si non si può pensare soltanto al bilancio dell’azienda».

Poi a un’altra domanda ha lanciato un affondo diretto al nipote dell’Avvocato, John Elkann, presidente del gruppo Fiat: «Elkann è un ragazzo giovane, non ha l’esperienza per ricoprire quel ruolo. Mettermi a discutere con uno dell’età di mio figlio non mi va, ma è con lui che oggi bisogna parlare». «La Famiglia Agnelli si metta le mani in tasca, un paese non si tratta in questo modo» è l’invito del patron della Fiorentina.

Ancora più caustico sulle scelte del Lingotto di rimandare l’uscita dei nuovi modelli: «Il problema della Fiat è che non fa belle macchine e quindi non vende. Quando le fa, invece, come nel caso della 500, allora la gente le compra». Ma la stoccata più velenosa arriva nel finale: «la Famiglia Agnelli torni a fare quello che ha sempre che ha sempre saputo fare meglio: sciate, veleggiate e partite a Golf. E lasci i problemi dell’Italia alle persone serie».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo