Cronaca

Nuova sparatoria per le strade di Milano. Nessun ferito

orna la paura per le strade di Milano dopo l’agguato a Porta Romana che è costato la vita all’imprenditore Massimo Spelta e alla moglie Carolina, la prima a cadere sotto i colpi del killer. Una nuova sparatoria è avvenuta in pieno giorno. Questa volta a esploderei colpi nel traffico cittadino, è stato un uomo alla guida di un’Audi A2 nei confronti di un Ford Focus blu. È accaduto intorno alle 15 in via Giacosa, angolo via Pietro Crespi, in zona via Padova, un quartiere ad alta concentrazione di immigrati. Nessuna persona sembra sia rimasta ferita, ma dopo l’agguato di lunedì sera sale l’allerta.

 Secondo quanto riferito da alcuni testimoni ascoltati dai carabinieri, a bordo dell’Audi ci srebbero tre o quattro persone (forse sudamericani) che hanno esploso 4-5 colpi contro il guidatore della Focus. Nessuno è rimasto ferito ed entrambe le auto si sono dileguate, scappando in direzione opposta.

Un colpo ha centrato un’auto in sosta, una Peugeot 106 di proprietà di un residente. Ma non sarebbero stati trovati bossoli sul posto. Secondo le ipotesi avanzate dai militari: le pallottole potrebbero essere rimaste conficcate nella scocca dell’auto, oppure il commando potrebbe aver usato un revolver. Ma per fare chiarezza sull’accaduto, saranno fondamentali le immagini delle telecamere di sicurezza della zona.

L’assessore alla Sicurezza e coesione sociale di Milano, Marco Granelli, anche a nome del sindaco, Giuliano Pisapia, « all’estero per una missione istituzionale», ha scritto una lettera al prefetto, Gian Valerio Lombardi, per chiedere la convocazione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Parte all’attacco, invece, la Lega Nord che denuncia il fallimento della giunta Pisapia e chiede l’intervento dell’esercito.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo