img_big
News

La vendetta anarchica: uova marce e vernice contro i lavoratori Tav

La reazione insurrezionalista all’arresto di Massimo Passamani, 40 anni, l’ideologo anarchico per la Tav, è stata pressoché immediata. Una reazione violenta che ha visto protagonisti una decina di persone incappucciate che oggi, poco dopo le 14, è partita dal campeggio No Tav di Chiomonte e si è presentata accanto alle recinzioni del cantiere, quelle più vicine agli operai, e ha scatenato una fitta sassaiola: sono state lanciate pietre, uova marce e contenitori pieni di vernice che hanno colpito mezzi e maestranze.

Un vero e proprio blitz che, secondo la Questura, avrebbe il sapore della vendetta più cieca. Quantomeno miope perché se Passamani è stato raggiunto a Trento da un provvedimento di carcerazione, esso sarebbe motivato principalmente da accuse di associazione sovversiva che lambirebbero la sua attività contraria alla Torino-Lione, ma riguarderebbero l’attività di sabotaggio di frange anarco-insurrezionalista che tra Trento e Rovereto, si sarebbero organizzate secondo criteri che punterebbero al sovvertimento dell’ordine democratico.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo