img_big
Cronaca

Allarme negli Usa per l’arrivo di Isaac, si teme una nuova Katrina

Emergenza uragani in Florida, Luisiana, Mississipi, Alabama. Migliaia di persone sono state fatte evacuare dalle proprie abitazioni, in Louisiana, Mississippi e Alabama, dopo la dichiarazione dello stato di emergenza annunciato dalle autorità a causa dell’arrivo della tempesta Isaac. Scene apocalittiche, quelle che arrivano dall’America, con lunghe code di persone  ai supermercati e presso le pompe di benzina.

L’evacuazione è stata ordinata a partire dalle 8 di questa mattina, le 15 ora Italiana. Il timore è che si tratti di una nuova Katrina, l’uragano che nel 2005 distrusse New Orleans provocando 1800 vittime. Isaac dovrebbe infatti  arrivare in  Louisiana domani, esattamente sette anni dopo Katrina, che investì New Orleans il 28 agosto del 2005. La direzione della tempesta, che entro martedì potrebbe trasformarsi in uragano di classe 3 (su una scala il cui massimo è 5) è infatti la stessa di sette anni fa. 

A dare l’allarme il governatore della Louisiana Bobby Jindal, che dopo aver dichiarato lo stato di emergenza, ha dato l’ordine di evacuazione ai 53mila residenti di St Charles Parish, vicino New Orleans. Anche lo Us National Hurricane Center, il centro uragani Usa, ha dichiarato lo stato di emergenza nella parte settentrionale del Golfo del Messico, un’area che comprende anche New Orleans.

Intanto, secondo quanto riportato dall’ufficio nazionale della protezione civile, sono saliti a 19 i morti per il passaggio di Isaac ad Haiti, portando così a 21 (due persone hanno perso la vita inghiottite dalle acque del fiume nella Repubblica Dominicana) il bilancio provvisorio delle vittime di Isaac nell’area.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo