img_big
News

Il caldo non dà tregua: a Torino sfiorati i 40°, da venerdì temporali

Temperature tra i 34 e i 36 gradi centigradi, un’afa incredibile e una percezione del calore che arriva anche fino ai 40 gradi.
A Torino gli effetti dell’anticiclone Lucifero hanno cominciato davvero a farsi sentire. In città, infatti, si boccheggia e in molti saranno tornati indietro negli anni, magari proprio a quella caldissima estate del 2003. Più calda persino di questa. Una magra consolazione, forse. Ma dalle periferie al centro sono le fontane e le gelaterie le mete preferite dai pochi torinesi presenti e dai turisti.

Il caldo quasi insopportabile non lascerà il Piemonte neanche nei prossimi giorni. L’ultimo potente anticiclone africano continuerà a pompare aria rovente direttamente dal Sahara algerino fino a giovedì prossimo. A causa dell’elevato tasso di umidità si potranno percepire fino a 43 gradi. E si soffrirà anche di notte a causa del cocktail di calore e umidità. Ma poco alla volta toccherà anche agli acquazzoni, alcuni attesi già dalle tarde ore di mercoledì. Una benedizione per qualcuno, un pericolo per altri. «Aria secca fino a giovedì poi violenti temporali che in pochi minuti potrebbero scaricare ingenti quantità d’acqua» spiegano gli esperti del portale 3BMeteo. Dal prossimo week-end, però, l’alta pressione africana verrà gradualmente erosa da aria più fresca in arrivo dall’Atlantico. E come risultato avremo il formarsi di tempeste tropicali, più simili alle latitudini tropicali che a quelle temperate. Un prezzo che probabilmente pagheremo anche con l’arrivo del prossimo autunno. E questo a causa di un mar Mediterraneo troppo caldo rispetto ai livelli a cui eravamo abituati.

L’articolo completo di Philippe Versienti e Enrico Romanetto su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo