img_big
News

Prigionieri dell’ingaggio. Ecco perché i senatori della Juve possono restare a Torino

In tanti, troppi, hanno già dato per scontato che lunedì, alla fine della stagione, tre grandi senatori dello spogliatoio bianconero arrive­ranno allo Juventus Center di Vinovo con il classico scatolone per raccogliere le loro cose e dire definitivamente addio alla Vecchia Signo­ra. CONTRATTI FARAONICIIn epoca di recessione, anche calcistica, sono pochi i club in Europa che continuano a fare follie per prendere campioni a peso d’oro. Con l’inserimento della regola Uefa che vuole le società in ordine anche dal punto di vista fiscale per prendere parte alle coppe europee, saranno sempre meno le squadre disposte a fare follie. E allora, diventerà sempre più diffi­cile acquistare gente che gode di un contratto da nababbo. Non fanno eccezione i già citati tre moschettieri bianconeri che viaggiano su cifre superiori alla media. GUANTI D’OROIl più caro di tutti è Gigi Buffon. Attualmente il portiere della Nazionale guadagna 5,5 milioni di euro a stagione. Non proprio bruscolini. Se poi si considera che il giocatore ha già 32 anni e un contratto che scade nel 2013, la questione si fa ancora più complessa. È vero che un portiere ha una carriera decisamente più lunga rispetto agli altri giocatori, però è anche vero che molte squadre preferiscono affidarsi a ma­ni meno esperte ma molto più economiche. Con la Juve che ha già posto le basi per portare a Torino il cagliaritano Federico Marchetti, per Buffon potrebbe farsi avanti soprattutto un club inglese: al momento sono in lotta le due formazioni di Manchester, il City e lo United con quest’ultimo leggermente favorito. ESPERIENZA STRANIERADavid Trezeguet, invece, ha già fatto sapere che se dovesse andare via dalla Juve vorrebbe fare un’esperienza all’estero. A inizio stagione era stato lui stesso a parlare di Argentina, la terra dov’era nato, o Francia, il paese per il quale ha sempre difeso i colori. Poi, a metà stagione, è stato sempre lui a menzionare in un’intervista la Major League Soccer. Guardando il libro paga, sembra che sia proprio la lega americana l’unica a potergli garantire quei 4,5 milioni di euro a stagione che guadagna ora. Il contratto non è un problema, perché scadrà il prossimo anno, e la Juve preferirebbe monetizzare piut­tosto che lasciarlo partire a parametro zero. QUESTIONE DI FAMIGLIAAnche Mauro German Camoranesi è in scaden­za nel 2011, ma guadagna un po’ meno (3 milioni a stagione). Il giocatore ha già fatto sapere di essere la capolinea, ma a mettergli il bastone tra le ruote sarebbe la moglie che non vorrebbe assolutamente lasciare Torino. Dun­que l’italo-argentino non potrà prendere la decisione in assoluta libertà dovendo fare i conti con una famiglia ormai perfettamente integrata nella realtà cittadina. Intanto la Juve ha già trovato due sostituti: Maggio del Napoli e Krasic del Cska Mosca.Marco Avena

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo