News

La modella nuda nel sottopasso ferroviario: «Sono foto artistiche». Ma finisce nei guai

I calendari con belle ragazze poco o per nulla vestite ormai non fanno più scandalo. Ma scegliere come set per le fotografie di “miss giugno” una strada pubblica può decisamente creare qualche problema in più, soprattutto se la modella è completamente nuda e proprio in quel momento da quelle parti passa un’anziana che di simili spettacoli ne farebbe volentieri a meno.
L’episodio si è verificato ieri a Grugliasco, in uno dei sottopassi ferroviari di corso Tirreno, quasi al confine con Torino. Una zona solitamente poco frequentata, ancor di più a ridosso di Ferragosto. Probabilmente proprio questo hanno pensato fotografo, modella e i due aiutanti che hanno deciso di approfittare della calma estiva per realizzare qualche scatto all’aperto.

E così la giovane modella si è spogliata e si è concessa all’obiettivo, nella speranza di trovare l’immagine giusta per il calendario.
Purtroppo per lei e per le altre tre persone, il destino ha voluto che proprio in quel momento nel sottopasso sia arrivata un’anziana, che alla vista della ragazza così poco vestita ha subito impugnato il cellulare e chiamato i vigili urbani. Agli agenti intervenuti sul posto è toccato così l’imbarazzante compito di riportare la calma e – magari con un po’ di dispiacere – convincere la modella a rivestirsi. A poco sono valse infatti le giustificazioni della ragazza e del fotografo che hanno parlato di «fotografie artistiche». Il problema infatti è che in Italia neanche per l’arte ci si può spogliare per strada, oltretutto in un sottopasso videosorvegliato. La polizia municipale ha così trasmesso un rapporto alla magistratura perché valuti se ci sono estremi di reato mentre modella e fotografo hanno dovuto abbandonare l’improvvisato set, nella speranza di essere riusciti a fare lo scatto giusto nei pochi minuti in cui sono riusciti a lavorare prima dell’arrivo dell’anziana.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo