img_big
News

L’ultima offensiva della Bresso «Bisogna ripetere le elezioni»

Sebbene i due casi presentino «differenze sostanziali», a partire dalla condanna in appello a due anni e otto mesi di reclusione per il reato di falso ideologico inflitta al consigliere regionale Michele Giovine, fino alla richiesta di rinvio a giudizio e la proposta di archiviazione per Marco Di Silvestro e Luigina Staunovo Polacco, secondo Mercedes Bresso «bisogna tornare alle urne, perché le irregolarità non si annullano se sono presenti in entrambe le coalizioni, ma si sommano». L’ex “zarina” ha replicato così alle richieste del sostituto procuratore Caputo in merito alle presunte irregolarità elettorali di una lista, “Pensionati e Invalidi”, che la sosteneva alle ultime regionali.

Tanto varrebbe, secondo Bresso, invalidare l’esito delle urne, a maggior ragione se un’indagine riguarda anche i suoi sostenitori, nello specifico il sottoscrittore della lista e la coordinatrice, accusati di aver raccolto una decina di firme in modo irregolare. Firme che, per quanto  autentiche, non sarebbero state certificate secondo le modalità previste dalla legge.

Leggi l’articolo di Enrico Romanetto su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners