Cronaca

Nuova stangata sui pendolari più 12% per la Torino-Milano

A far infuriare i pendolari è stato soprattutto averlo scoperto solo alla cassa, al momento di rinnovare l’abbonamento mensile di Trenitalia. Quello della Torino-Milano, in particolar modo, ma la stessa cosa vale per tutte le tratte sovraregionali, classificate come “40/AS”, che appunto collegano città di regioni diverse.

È una stangata, un aumento dei prezzi che i comitati pendolari quantificano nel 12 per cento secco, da un giorno all’altro. Ma che, se confrontato con le tariffe in vigore fino allo scorso novembre, arriva a sfiorare addirittura il 40 per cento. Ad esempio, sulla Torino-Milano l’abbonamento mensile in seconda classe dieci mesi fa costava 106,60 euro. Ora bisogna pagarne 147,60.

Un’impennata del 38 per cento che in parte si spiega con gli aumenti decisi dall’azienda, ma che è da attribuire anche al combinato dei rincari (circa il 23 per cento) che le Regioni Piemonte e Lombardia hanno applicato dopo il taglio delle risorse a livello nazionale e locale.

Leggi l’articolo su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo