News

A settembre rivoluzione dei bus nei viali si viaggia ai 30 all’ora

Un recente studio europeo sostiene che per colpa del rumore, chi vive nelle aree metropolitane sacrifica ogni anno qualcosa come un milione di anni di vita. Di certo Torino non è esente da questa piaga, se è vero, come dimostrato dall’Arpa, che il 67% dei suoi cittadini vivono in zone nelle quali i limiti fissati dalle normative vigenti vengono regolarmente superati, tanto di giorno quanto di notte.

Dal canto suo, la giunta Fassino, su proposta dell’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta, ha approvato ieri un nuovo piano d’azione che, nell’arco del prossimo programma triennale delle opere pubblico, punti a ridurre innanzitutto l’inquinamento acustico prodotto dal traffico veicolare. Anche ricorrendo a innovativi progetti da applicare alla viabilità cittadina: zone 30 attorno a zone particolarmente sensibili, semafori intelligenti che riducano la velocità sui grandi assi di scorrimento al di sotto dei limiti attualmente in vigore, panelli fonoassorbenti.

L’articolo di Paolo Varetto su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo