img_big
Cronaca

Massacrato nel Tir a colpi di coltello, giallo in autostrada (foto)

Un orribile massacro e un giallo apparentemente indistricabile. Un camionista francese ucciso a coltellate, nel suo Tir fermo in autostrada: colpito più volte con ferocia, tanto che uno dei fendenti gli ha praticamente staccato la mano destra. Teatro di questo giallo la bretella autostradale che collega Ivrea e Santhià, nel territorio di Alice Castello, provincia di Vercelli.

La vittima si chiamava Dominique Fevre, 52 anni, residente a Lione e padre di tre figli. A trovarlo è stato un collega e connazionale, dipendente della medesima ditta, ieri attorno alle 13. L’uomo, infatti, era partito da Lione, il giorno prima, alla guida di un camion di generi alimentari. Poi, stando a quanto ricostruito dalla polizia, nella serata di martedì aveva cessato ogni contatto e non rispondeva alle chiamate telefoniche effettuate dai titolari della ditta di Lione. Al che, il collega che doveva percorrere lo stesso tragitto e che ore in precedenza aveva parlato con lui tramite il “cb”, si è letteralmente messo alla ricerca. Quando l’ha trovato, il Tir era parcheggiato regolarmente accanto alla bretella autostradale. L’autista si è avvicinato e ha notato che le portiere erano chiuse dall’interno, al che ha pensato che il collega dormisse. Invece, Fevre giaceva in un lago di sangue, con la mano destra semi-amputata.

L’articolo di Marco Bardesono e Andrea Bucci su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo