img
Cronaca

Stacey, la bella addormentata imprigionata in un sonno lungo sei mesi

Stacey C., studentessa 15enne inglese, è affetta dalla «sindrome di Kleine Levin o della bella Addormentata» , una patologia rarissima che colpisce nel complesso mille persone in tutto il mondo. Una brutta malattia, capace di farla sprofondare in un sonno profondo per oltre due mesi di fila. Le sue foto sono apparse sulle pagine del “Mirror” mentre dorme, con a fianco la madre Bernie che le tiene dolcemente la mano.

«Per colpa della malattia ho mancato nove esami – racconta Stacey al tabloid – e mi sono persa pure il mio compleanno a novembre, ma almeno adesso è più facile spiegare alla gente quello che ho. Prima invece, quando a scuola dicevo che ero stanca e che dovevo andare a casa, mi guardavano tutti malissimo e non mi credeva nessuno».

«Gli attacchi le possono arrivare in qualunque momento – spiega la madre – e non c’è alcun preavviso. Una volta l’ho persino trovata addormentata sul pavimento della cucina e anche se si alza per andare in bagno o per bere, in realtà non è sveglia ma è in quella che io chiamo “modalità sonno” e magari si risveglia dopo una settimana. Quando è in uno di questi momenti è come se tornasse una lunatica bambina di 5 anni, che pesta i piedi se non ottiene quello che vuole e ha bisogno di continue rassicurazioni. E’ un po’ come vivere con Dr Jekyll e Mr Hyde, ma almeno adesso abbiamo una diagnosi della sua condizione ed è tutto più semplice. In passato, infatti, sono stata pure messa sotto inchiesta dalle autorità scolastiche locali, perché pensavano che non volessi mandare a scuola Stacey di proposito. In realtà, io ho sempre saputo che c’era qualcosa che non andava, perché l’adolescente piena di vita di una volta si era trasformata in uno zombie che dormiva sempre».

Da marzo Stacey fa uso di uno stimolante che l’aiuta a restare sveglia e qualche miglioramento sembra esserci. Nonostante ciò, potrebbe non essere stato scritto un lieto fine per la bella studentessa. Per la patologia, infatti, non è ancora stata scoperta la cura.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo