News

Contributi per i siti Internet: in 180 “truffano” la Regione

Erano stati ribattezzati i “furbetti” dei finanziamenti pubblici, perché avevano scoperto il sistema per guadagnare migliaia di euro. Bastava infatti produrre la documentazione, contraffatta, per siti Internet pagati poche migliaia di euro e fatturati invece per cifre che raggiungevano anche gli 80mila euro, per ottenere metà del valore della fattura come finanziamento a fondo perduto.

Gli indagati sono 180 e sono tutti accusati di truffa ai danni della Regione Piemonte nell’ambito dei contributi pubblici erogati dall’ente attraverso Finpiemonte. A coordinare l’inchiesta è stato il procuratore generale Vittorio Corsi. Il danno accertato alla Regione ammonta a più di 2 milioni di euro su un totale di 7 milioni di contributi erogati. Le fatture “gonfiate” sono state emesse tra il 2003 e il 2011.

L’articolo completo su CronacaQui in edicola il 12 giugno.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners