img_big
News

Risucchiato dal treno in corsa: anziano ciclista perde la vita

Aveva appena attraversato i binari trascinando a mano la bici, ma lo spostamento d’aria provocato dal passaggio del treno l’ha fatto cadere a terra ed è morto, molto probabilmente, dopo aver battuto la testa sulla massicciata. Un incidente che non ha lasciato scampo a Mario Imberti, 89 anni, residente in frazione Vallo. È accaduto venerdì, poco dopo le 17, lungo la linea ferroviaria Chivasso-Ivrea, proprio nel punto dove fino a qualche anno fa sorgeva un passaggio a livello tra la vecchia strada che da Montanaro conduceva a Caluso e la nuova Provinciale.

Ad avvertire i soccorsi è stato il macchinista del convoglio partito da Chivasso e diretto a Ivrea con un centinaio di pendolari a bordo. L’uomo ha poi raccontato ai carabinieri di Caluso di aver visto in lontananza l’anziano attraversare i binari e di averlo più volte avvertito suonando. Ma nonostante la frenata la velocità con la quale viaggiava il convoglio ha finito per sbilanciare l’anziano. Il treno si è fermato circa 200 metri oltre il punto dell’incidente ma l’arrivo dell’ambulanza partita dal distaccamento volontari di Caluso non è servita a strappare Mario Imberti dalla morte. L’uomo sarebbe deceduto per aver battuto la testa sulla massicciata. A confermare questa tesi anche una prima ispezione eseguita lungo la carrozzeria del convoglio, che non presenza tracce di sangue. Sarà comunque l’autopsia a chiarire le cause del decesso.

Tra i primi ad arrivare sul luogo della tragedia, ieri, è stato il figlio Giampiero Imberti, vice comandante della polizia municipale di Caluso. Ai carabinieri agli ordini del maresciallo Lino Belcastro ha raccontato che il padre si era recato in un campo di loro proprietà a bagnare la terra e che stava probabilmente rientrando a casa. In quel punto, infatti, non ci sono passaggi per attraversare i binari, per farlo bisogna rientrare verso il centro di Montanaro e risalire poi costeggiando la ferrovia.
L’incidente ha causato notevoli ritardi lungo la linea Chivasso-Ivrea-Aosta. Il tratto è rimasto chiuso al traffico per qualche ora costringendo le ferrovie a sopprimere sette convogli garantendo comunque navette per poter far arrivare a destinazione i pendolari.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo