News

Torino: il governo Monti non mette i soldi, la Città della Salute si restringe

C’è preoccupazione in Regione per il mancato arrivo dei 377 milioni di euro che il Governo ha promesso sulle Città della Salute di Torino e di Novara. Soldi che sono fondamentali per avviare le due opere in tempi rapidi – entro un anno e mezzo dovrebbero partire i lavori fra corso Bramante e corso Spezia – e che sotto la Mole sono considerati ancora più importanti: persino la stesura del progetto è finanziata con una quota dei 250 milioni previsti da Roma per rifare la zona ospedali, fra Molinette, Sant’Anna e Regina Margherita.

L’assessore alla Sanità Paolo Monferino ha chiesto un incontro con i rappresentanti dell’esecutivo Monti per chiarire la situazione. Se lo stanziamento non dovesse sbloccarsi il progetto sarà necessariamente tagliato, secondo quello che lo stesso Monferino ha definito ieri a Palazzo Civico il «piano B».

L’articolo completo di Andrea Gatta su CronacaQui in edicola il 9 giugno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo