img_big
Cronaca

“Non ti sposo più”. E lui la uccide prima delle nozze

Una lite prima delle nozze, il raptus di follia, il futuro marito che uccide la futura consorte. La tragedia si è consumata ieri pomeriggio a Staranzano (Gorizia), e i carabinieri hanno arrestati l’uomo, Claudio V., 57 anni, pensionato, con l’accusa di omicidio volontario. I militari l’hanno trovato lì, nell’abitazione in cui la vittima e il suo assassino convivevano da anni.

In base alla ricostruzione fornita dai carabinieri, il delitto è scaturito da un litigio scoppiato tra i due, entrambi divorziati, per ragioni familiari. Il pensionato ha ucciso la compagna con un coltello da cucina nella cucina a piano terra dell’abitazione. L’arma del delitto, un coltello con una lama di circa 30 centimetri, è stata sequestrata.

I due fra pochi giorni avrebbero dovuto sposarsi dopo anni di convivenza. «Voleva lasciarmi» ha raccontato ai carabinieri l’uomo, ex lavoratore portuale. Sembra che all’origine del grave fatto di sangue ci sia il rifiuto della donna a convolare a nozze. La donna lascia due figli avuti da un precedente matrimonio.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo