img_big
News

Piemonte, addio posto fisso, ma il lavoro c’è: in un anno 23mila assunzioni

Secondo i dati della Regione, nel 2011 in Piemonte ci sono state 23mila assunzioni in più e il tasso di disoccupazio­ne è rimasto stabile. La cre­scita è dovuta all’aumento del lavoro intermittente, ai contratti a chiamata, che hanno raggiunto le 37mila procedure, e a quello offerto dalle agenzie interinali, che ha fatto registrare un più 9,2 per cento. Il posto fisso è or­mai un miraggio
LA CRISI
Il bilancio dell’economia pie­montese resta però tetro. I costruttori dell’Ance ieri hanno presentato il conto della crisi: calano gli occupa­ti del settore, aumentano dell’11 per cento i fallimenti e dal 2008 ad oggi sono stati persi ben 23mila posti di la­voro. Nella nostra regione l’ondata negativa avrebbe coinvolto 216 imprese ope­ranti del campo dell’edilizia in appena tre anni

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 7 giugno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo