img_big
Cronaca

Edilizia, detrazioni al 50% per le ristrutturazioni

Il Consiglio dei ministri esaminerà giovedì o venerdì il decreto sulla Crescita. Il testo, che porta la firma del ministro Corrado Passera, potrebbe essere suddiviso in due decreti: uno sullo sviluppo, l’altro sulle infrastrutture. La bozza è quindi in dirittura d’arrivo. Tra le anticipazioni del suo contenuto si parla di novità sul credito d’imposta, sui minibond e gli impianti energetici e sul rilancio delle opere pubbliche e dell’edilizia.

Per quanto riguarda l’edilizia, sarebbero quattro le norme in arrivo sollecitate dall’Ance (associazione costruttori: 1. Il ripristino dell’Iva sulle compravendite e sugli affitti delle nuove costruzioni, effettuate oltre cinque anni da fine lavori. 2. L’esenzione dell’Imu (la nuova Ici) sulle nuove costruzioni per un massimo di tre-cinque anni. Provvedimenti che potrebbero creare 17 mila nuovi posti di lavoro. 3. L’aumento dal 36% al 50% delle detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia e l’innalzamento da 48 mila a 96 mila euro del limite di importo detraibile. Si starebbe anche pensando di estendere questa norma alle ristrutturazioni eseguite con criteri antisismici. 4. La messa a regime delle detrazioni del 55% per interventi di riqualificazione energetica (attualmente vengono prorogati di anno in anno). I quattro provvedimenti insieme dovrebbero avere ricadute per 45 miliardi e 25 mila nuovi occupati.

In arrivo poi il “Piano nazionale per le città” per riqualificare e valorizzare le aree urbane degradate con 230 milioni di euro ministeriali e fondi attivabili per complessivi 2 miliardi..

Nell’ultima versione del decreto scompare l’articolo che fissava le regole per le compensazioni a chi aveva crediti fiscali nei confronti della Pubblica amministrazione che viene rinviata ad un decreto ministeriale. Così come cambia la norma per il bonus assunzione di personale qualificato e vengono dettate regole per la trasparenza della P.A. con l’obbligo di mettere online determinate spese per consulenze, sovvenzioni e contributi.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo