img_big
News

Per una notte intera stuprò madre e figlia: ora si è tolto la vita

Per un’intera notte aveva abusato sessual­mente dell’ex amante quarantenne e della figlia di lei, una ragazza appena quindicenne. Le aveva prese in ostaggio, imbavagliate, im­mobilizzate al letto dopo averle fatte comple­tamente spogliare, e infine stuprate. Aveva deciso di vendicarsi in quel modo così brutale e selvaggio di quella donna tanto più matura di lui che l’aveva adescato e illuso, prima, e scaricato, poi. Lui, operaio poco più che ven­tenne, era stato arrestato e poi condannato sia in primo grado sia in appello. Adesso si è tolto la vita in carcere, si è impiccato con un lenzuo­lo in un bagno dell’istituto penitenziario di Vercelli nel quale stava scontando una pena di 6 anni di reclusione inflitta dai giudici del secondo grado per quella duplice violenza sessuale. Chi gli è stato vicino nell’ultimo periodo, è convinto che il ragazzo non fosse ancora riuscito a togliersi dalla testa la quaran­tenne con la quale aveva trascorso una intensa storia d’amore: «Sperava che lei prima o poi lo chiamasse, ma quella chiamata non è mai arrivata». E lui, depresso, si è tolto la vita.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 5 giugno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo