News

Ingegnere rapito in Nigeria, lavora per una ditta di Torino

È stato rapito in Nigeria un ingegnere, Modesto di Girolamo, abruzzese, 70 anni, che lavora per la ditta “Borini & Prono” che ha sede a Torino in corso Monte­vecchio. L’azienda, una delle più antiche della città, la sua fonda­zione risale alla fine del 1800, si occupa di costruzioni edili, stra­dali e di ingegneria civile.
Secondo quanto ha riferito la po­lizia nigeriana, il sequestro sa­rebbe avvenuto nello Stato del Kwara, nel nord del Paese. A compiere l’azione sarebbero sta­ti uomini armati non identificati. L’ingegnere è stato sequestrato mentre stava mo ni tor an do un progetto di drenaggio di una strada av­viato dal go­verno della Nigeria. Il ra­pimento è av­venuto alle 17,30 (ora lo­cale) di lune­dì.
L’uomo, secondo quanto riferito dalla Farnesina che segue la vi­cenda, è stato rapito a Ilorin, ca­pitale dello Stato del Kwara, da ignoti che non si sono ancora messi in contatto con le autorità per avviare trattative per il rila­scio. «Il comando di polizia ha avviato un’indagine per liberare l’ingegnere italiano», ha detto il portavoce della polizia Fabode Olufemi, invitando chiunque abbia informazioni sul sequestro a riferirle agli agenti.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola l’1 giugno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo