img_big
News

Torino-Fisco alleati: la caccia ai furbetti ha fruttato 4,2 milioni

Ha impiegato diversi mesi a scaldarsi, ma la macchina anti-evasione del Comune di Torino e dell’Agenzia delle entrate comincia a girare a pieno ritmo. Sono 125 le segnala­zioni andate a segno che hanno consentito di scoprire 4,2 milioni di imposte dovute alle casse dell’Erario tra il 2010 e l’anno successi­vo. Per il Comune, ormai divenuto vero ispettore del fisco che segnala all’Agenzia i casi di sospetta evasione, il “piatto” è interes­sante: dal primo gennaio di quest’anno ha diritto a incassare il totale delle somme ac­certate.
Tra il 2010 e il 2011 sono finiti sotto la lente di ingrandimento degli uffici comunali i “furbetti” dell’Isee (l’indicatore di reddito familiare) proprietari di abitazioni di lusso, contribuenti che hanno dimenticato di di­chiarare l’affitto di abitazioni e garage, im­prenditori con redditi esigui, ma che pagava­no tariffe Tarsu elevate. Molto interessante ­secondo l’Agenzia – anche il filone d’indagi­ne aperto su alcune imprese di onoranze funebri, che dai registri comunali risultava­no aver gestito molte pratiche cimiteriali senza averne poi dichiarato i ricavi.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola l’1 giugno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo