img_big
News

Festa del 2 giugno: a Torino una raccolta fondi per aiutare l’Emilia

 Si terrà in piazza San Carlo ma avrà un occhio puntato sull’Emilia il tradizionale concerto del 2 giugno per la celebrazione della Festa della Repubblica. La manifesta­zione diventerà l’occasione per una raccolta fondi da destinare alle zone colpite dal terre­moto. Il Consiglio regionale, che organizza in collaborazione con Comune, Rai e Teatro Regio, ha infatti aperto un conto corrente dedicato con le Poste, sul quale ha già donato 100mila euro «provenienti dai risparmi in bilancio», ha spiegato il presidente Valerio Cattaneo. Ma l’obiettivo, precisa, è di racco­glierne almeno il doppio: le coordinate del conto verranno diffuse in diretta Rai, sarà predisposta una grande urna in piazza, con­siglieri e assessori devolveranno l’equiva ­lente di un gettone di presenza (122 euro) e tutti i 330 dipendenti del Consiglio sono invitati a donare un’ora di lavoro.

Nel corso della serata l’orchestra sinfonica della Rai suonerà l’inno nazionale, brani di Rossini e Beethoven e, a gran sorpresa, un’anticipazio­ne della Cenerentola di Carlo Verdone – l’ou­verture, pare -, che andrà in onda domenica e lunedì. «Avevamo pensato di annullarlo per rispetto alla tragedia dell’Emilia» rivela Cattaneo in­sieme al vicepresidente di Palazzo Lascaris Roberto Placido. Ma a quel punto, sostengo­no, una buona parte dei 100mila euro stan­ziati per l’iniziativa, metà dello scorso anno e il 40 per cento coperto dalle fondazioni bancarie, era già stata spesa, fra i costi del palco, dell’orchestra, dei manifesti, degli in­viti. In ogni caso la cerimonia sarà resa più sobria dall’annullamento del ricevimento.

La Lega, però, polemizza. «In un momento di crisi questi soldi non avrebbero dovuto esse­re spesi – attacca il capogruppo del Carroccio Mario Carossa -. E questo indipendentemen­te dal terremoto, che non fa che rafforzare questa richiesta. E che anche le fondazioni bancarie investano nell’iniziativa lo trovo comunque una vergogna». Si riferisce alla parata di Roma, ma il senso del discorso è lo stesso, l’osservazione mossa in serata dal governatore Roberto Cota che annuncia co­me sul proprio sito il 93 per cento dei visita­tori abbia risposto a un sondaggio sui festeg­giamenti ritenendoli non opportuni. «Evi­dentemente – commenta Cota – i cittadini, di fronte alla tragedia del sisma, chiedono so­brietà ». Secca la replica di Cattaneo: «Credo che anche in un periodo di crisi i soldi per celebrare il 2 giugno possano essere spesi. Si tratta di una festa di popolo, che interpreta i valori della Repubblica». E l’opposizione accusa: «La Lega si trincera dietro la situazio­ne – attacca il capogruppo Pd Aldo Reschigna – ma in realtà l’unica sua intenzione è quella di tornare alle origini, quando si rifiutava di riconoscere la festa della Repubblica».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo