img_big
News

Carmagnola, scavatrice rompe un tubo: fuga di gas, 5 in ospedale

Ore di paura e una cinquantina di evacuati, tra cui i bambini di un asilo, per una fuga di gas provocato dalla manovra sbagliata di un ope­raio. Ieri alle 10,30, un escavatore di una ditta di Lombriasco che ef­fettuava alcuni lavori alla rete idrica ha infatti tranciato di net­to il condotto del metano in viale Garibaldi, all’altezza del parco comunale di via Bobba. Subito si sono riversati nell’aria migliaia di metri cubi di meta­no e il timore di un’esplosione ha convinto alla fuga i residenti ancor prima dell’arrivo dei soc­corsi. «L’aria era irrespirabile, ci siamo rifugiati dove poteva­mo. All’inizio, la puzza si senti­va anche chiusi in macchina», raccontano con timore alcuni abitanti della zona.
Sul posto sono intervenuti poli­zia municipale, protezione ci­vile, due squadre (Carmagnola e Lingotto) e un’unità specializ­zata dei vigili del fuoco, oltre ai tecnici di Enel e Italgas. Imme­diatamente è stato isolato il trat­to di strada tra piazza Italia e via Pellico e sono state evacuate le due palazzine più vicine alla rottura, ai civici 13 e 15 di viale Garibaldi: in totale, una qua­rantina di alloggi e una cin­quantina di persone, anche se probabilmente altre avevano già lasciato i loro appartamenti subito dopo l’incidente. Nel condominio si trova anche un nido famiglia i cui bambini ed educatrici si sono subito messi in sicurezza.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 30 maggio 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo