img_big
Spettacolo

Quel bambino che toccò i capelli di Obama…

«Vorrei sapere se i miei capelli sono come i tuoi». A chiederlo è Jacob Philadelphia al presidente americano Barack Obama che, di fronte alla richiesta, si abbassa e consente a Jacob di toccargli la testa. È questa la storia – riportata dal New York Times – che è dietro il famoso scatto fotografico di tre anni fa, che ha dato via a una delle foto preferite della squadra di Obama, tanto che David Axelrod, consigliere di lunga data del presidente, ne ha una copia nel suo ufficio a Chicago. La solennità del momento è stata immortalata da Pete Souza, fotografo della Casa Bianca. «Come fotografo uno lo sa quando si è di fronte a un momento unico. Ma al momento non mi ero reso conto della sua simbolicità. La foto è diventata una delle preferite dello staff: penso che a colpire sia il fatto che il presidente degli Stati Uniti si inchina e consente a un bambino di farsi toccare la testa» afferma Souza. Jacob Philadelphia si trovava nello studio ovale perchè suo padre, l’ex marine Carlton, stava lasciando lo staff della Casa Bianca dopo due anni trascorsi al National Security Council dell’amministrazione Bush. Carlton Philadelphia, come molti dello staff che escono, chiedono e ottengono la possibilità di farsi scattare una foto con il presidente. Davanti a Obama, Carlton ha detto al presidente che i suoi due figli avrebbero voluto fargli ognuno una domanda. Jacob è stato il primo a parlare. «Vorrei sapere se i miei capelli sono come i tuoi» ha chiesto Jacob. Obama ha risposto: «perchè non li tocchi e lo vedi da solo?». Jacob ha esitato e si è fatto incalzare da Obama: «dai toccali». Obama si è abbassato, Jacob gli ha toccato la testa. «Allora cose ne dici?» gli ha chiesto Obama. «Sì sono come i miei» ha risposto Jacob.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo