img
Cronaca

L’allarme degli esperti: “In estate boom di contraccetivi di emergenza”

Con l’arrivo dell’estate gli esperti avvertono: durante le vacanze si registra un “boom” della contraccezione d’emergenza, pari a +12% nell’agosto 2011 rispetto all’inverno e 34.000 confezioni vendute. Ma a settembre si sono registrati un grosso incremento dei casi di malattie sessualmente trasmissibili, gravidanze indesiderate ed un +30% di visite ginecologiche. Ma è meglio non abusare di questo tipo di contraccezione.

L’sos giunge dal Congresso nazionale congiunto di Sic (Società italiana della contraccezione) e Fiss (Federazione italiana di sessuologia scientifica) in corso Taormina: la contraccezione d’emergenza non puo’ essere utilizzata come contraccezione di “routine”, nè è opportuno abusarne.

“In vista dell’estate – afferma Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia medica del San Raffaele Resnati di Milano – lanciamo un appello: la contraccezione d’emergenza deve essere usata in casi rari e quando si verificano imprevisti, e comunque la sua efficacia diminuisce man mano che ci si allontana dal rapporto a rischio”. L’unica arma “davvero sicura per difendersi da gravidanze indesiderate – avverte l’esperta – è quindi la pillola anticoncezionale, ma l’Italia è ancora all’ultimo posto in Europa per utilizzo con una percentuale del 16,2%”. Insomma, conclude la specialista “in ferie è doveroso non spegnere il cervello, a tutte le età”.

Sesso, giovani sempre più imprudenti

Dal congresso è emerso anche che sono in aumento i comportamenti sessuali a rischio tra i giovani: il 31% non utilizza alcun metodo di contraccezione, si abbassa sempre di più l’età del primo rapporto sessuale (intorno ai 15 anni) ed aumenta il numero dei partner. Con due conseguenze: una nuova diffusione delle malattie sessualmente trasmesse tra i ragazzi ed il numero delle interruzioni volontarie di gravidanza che, sia pure complessivamente in calo in Italia, continua registrare una percentuale di circa 7 casi su 1000 tra le under-20.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo