img_big
News

Un nuovo spider firmato da Fiat e Mazda

Fiat Group Automobiles e Mazda Motor Corporation hanno siglato un memorandum d’intesa per lo sviluppo e la produzione di un nuovo spider a trazione posteriore per i marchi Mazda e Alfa Romeo basato sull’architettura dell’MX-5 di prossima generazione.

Lo studio prevede lo sviluppo da parte di Fiat e Mazda di due vetture leggere, a trazione posteriore, distinte nel design, quali icone chiaramente riconoscibili del proprio marchio. Ognuna delle due varianti Alfa Romeo e Mazda verrà equipaggiata con motorizzazioni specifiche per il marchio. Si prevede che entrambi i veicoli verranno prodotti nello stabilimento Mazda a Hiroshima in Giappone a partire dal 2015. La firma finale dell’accordo, che non è vincolante, è prevista per la seconda metà del 2012. Fiat e Mazda valuteranno anche ulteriori opportunità di collaborazione in Europa.

Marchionne: “Accordo con Mazda prova l’impegno per l’Alfa”
 “Questo accordo dimostra chiaramente il nostro impegno verso Alfa Romeo e la nostra determinazione nel renderlo un marchio globale. Attraverso la nostra partnership con Mazda, collaboreremo con il leader assoluto nelle architetture di veicoli compatti a trazione posteriore per poter creare uno spider che susciti entusiasmo e che sia carico dello stile Alfa Romeo”. Così Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat, commenta l’accordo con Mazda. “Apprezziamo la cooperazione con Mazda – aggiunge – e siamo sicuri che porterà ad un rapporto proficuo e duraturo”. “La creazione di alleanze per lo sviluppo di nuove tecnologie e prodotti – dichiara Takashi Yamanouchi, presidente e amministratore delegato di Mazda – è uno degli obiettivi del gruppo Mazda e questo progetto con Fiat rappresenta un importante passo avanti in questa direzione. E’ molto stimolante poter collaborare con un marchio prestigioso come Alfa Romeo su un nuovo spider basato sull’architettura dell’MX-5 di nuova generazione, che rappresenta un’icona per Mazda ed uno dei modelli roadster più venduti di tutti i tempi”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo