img_big
News

Fassino sposa l’ex Br, la famiglia Coggiola: «Siamo sconcertati»

 Ora come allora, la domanda per Mirna e Antonella Coggiola è una sola: perché. Vedova e orfana di un uomo ammazzato dalle Brigate Rosse. Peggio, morto dissanguato in mezzo alla strada dopo essere stato gambizzato con 12 colpi calibro 7,65. A premere il grilletto Nicola D’Amore. Lo stesso terrorista che dopo aver scontato una con­danna ventennale per i suoi trascorsi nell’eversio­ne armata e per un tentativo di rapina finito ancora prima di cominciare, nel 1996, ha chiesto e ottenu­to di essere sposato con rito civile dal sindaco di Torino, Piero Fassino. «Un atto di civiltà e di riconciliazione, per una persona che ha scontato il suo debito con la giustizia» ha spiegato a più riprese il primo cittadino. «Una decisione per la quale non riusciamo a darci una risposta. Siamo allibiti. Senza parole» ribattono la vedova e l’orfa­na. Tornando, ora come allora, a porsi un’unica domanda: perché. Mirna Coggiola oggi ha 76 anni. Quando D’Amore ha ucciso suo marito ne aveva 42.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 23 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo