img_big
Cronaca

Comunali, affluenza in calo. A Rapallo esplode bomba carta

Rimarranno aperti fino alle 15 i seggi per i ballottaggi in più di cento Comuni. Quasi 4 milioni di italiani sono chiamati a esprimere la loro preferenza sui candidati che hanno passato il primo turno. Le sfide più accese promettono di essere quelle a Palermo, Genova, L’Aquila e Parma. La percentuale di votanti rilevata alle 22 di domenica è stata del 36,2%. Al primo turno aveva votato il 47,6%.
Affluenza in calo anche in Sicilia (che non rientra nei dati diffusi dal ministero dell’Interno), dove alle 22, nei 18 Comuni coinvolti nel turno di ballottaggio hanno votato 378.034 elettori, pari al 33,75% degli aventi diritto.

I Comuni capoluogo chiamati al voto sono 19, e solo in 6 ci sarà un confronto diretto tra candidati del centrosinistra e del Pdl. A Genova lo scontro è tra il favorito Marco Doria, sostenuto da Sel, e l’esponente del terzo polo Enrico Musso. L’Aquila vede scendere in campo il ricandidato sindaco uscente Massimo Cialente (Pd) e Giorgio De Matteis, leader del movimento di centrodestra L’Aquila città aperta.

A Palermo il ballottaggio tutto interno al centrosinistra vede protagonisti Leoluca Orlando, sostenuto da Idv, Fds-Verdi, e Fabrizio Ferrandelli, appoggiato da Pd, Sel e socialisti. In Lombardia il Pd potrebbe riconquistare città come Monza e Como. Nella prima si contendono la poltrona da sindaco Roberto Scanagatti, del Centrosinistra, e Andrea Mandelli del Centrodestra. A Como lo scontro tra Mario Lucini (Pd) e Laura Bordoli (Pdl).

Ma tutti gli occhi sono puntati su Parma, dove il candidato del centrodestra è rimasto escluso al primo turno e l’esponente del Movimento 5 stelle Federico Pizzarotti se la dovrà vedere con Vincenzo Bernazzoli del centrosinistra. Al primo turno il candidato del movimento legato al comico Beppe Grillo ha ottenuto il 19,47%. “Parma è la nostra Stalingrado. Se in questa città diventa sindaco Federico Pizzarotti, allora tutto è possibile in questo disgraziato Paese”, ha detto Grillo.

Bomba carta a Rapallo
Una bomba carta è esplosa nella notte all’interno di un cassonetto dei rifiuti nei pressi di un seggio elettorale a Rapallo, in provincia di Genova. L’esplosione è avvenuta intorno alle 3 nella piazza del Comune, ed è stata tanto fragorosa da far scendere in strada diversi residenti della zona. Poco prima due auto della polizia municipale e alcuni cassonetti dell’immondizia erano stati incendiati.

Sulle vetture della polizia municipale sono state trovate tracce di liquido infiammabile.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo