img_big
News

Il conto dei vandali sui treni regionali: 3,5 milioni di danni

I tecnici delle Ferrovie usano un’immagine calzante per descrivere il problema: i graffiti che compaiono in un anno sui treni piemontesi sono cos√¨ numerosi da poter ricoprire ogni centimetro libero di un’ipotetica piazza Vittorio o di piazza Castello. Circa 44mila metri quadrati, che per poter essere ripuliti necessitano di 44mila ore di lavoro, 880mila litri d’acqua, 44 tonnellate di prodotti chimici e 1.800 litri di carburante. Per un totale di 44 tonnellate di rifuti speciali da smaltire.
La piaga del vandalismo costa alle casse dell’azienda, solo per la nostra regione, non me¬≠no di 3 milioni e mezzo di euro ogni anno. Di questi, due mi¬≠lioni e mezzo servono a sanare tutti i danni provocati alle car¬≠rozze: scritte, rottura di vetri e plafoniere, tagli ai sedili, scari¬≠co di estintori. Un milione se ne va per le sale d’attesa e per le macchinette validatrici dei biglietti. ¬ęSi guasta¬≠no perch√© qualcuno ci getta dentro i chewing gum o, addirittura, ci rovescia sopra la Coca¬≠cola ¬Ľ sbotta Pascal Gregorio, direttore di Treni¬≠talia Piemonte. A questo scopo la societ√† ha deciso di fare una mostra fotografica itinerante nelle stazioni (fino a domani a Porta Nuova, poi due giorni ad Alessandria e due a Cuneo), per mostrare i danni provocati dall’incuria e dalla devastazione ma anche le misure intraprese per contrastare i vandali. Dal 2 giugno scorso, infat¬≠ti, il servizio di pulizia √® stato affidato tramite gara europea alla societ√† La Lucente per il lotto di Torino, alla Compass per il lotto di Alessan¬≠dria, a Nord Servizi per il lotto di Novara. ¬ęAbbiamo gi√† i primi riscontri, la soddisfazione della clientela √® cresciuta del 10-15 per cento¬Ľ sostiene Gregorio.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 15 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners