img_big
News

Cassa integrazione da record a Torino: ad aprile + 72,4%

La ripresa tarda ad arriva­re, i consumi non si riprendo­no e a farne le spese è il Piemonte, soprattutto con Torino. Ad aprile, infatti, è stato registrato un aumento della cassa integrazione del 25,3% rispetto a marzo. Peg­gio ha fatto il capoluogo, do­ve la domanda di ammortiz­zatori sociali è balzata in avanti del 72,4%. Un dato in controtendenza rispetto al resto d’Italia, dove si assiste a una diminuzione del 13,3%. È questa la fotografia scattata dal 40° rapporto sulla cassa integrazione in Piemonte della Uil, una fotografia che anche il segretario generale Gianni Cortese non ha esitato a definire «molto preoccu­pante ». Le ore di cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga, autorizzate in Pie­monte nel mese di aprile, am­montano quindi a 12.274.353 (- 13% di cassa ordinaria, +68,7% della straordinaria, +29,1 di cassa in deroga). È aumentato, di conseguenza, il numero dei potenziali cas­sintegrati piemontesi che dai 57.611 di marzo 2012 salgo­no ai 72.202 (+ 14.591) di aprile.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 15 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo