img_big
News

Minotauro, i giochi sono fatti: rito abbreviato per 80 imputati

Adesso il quadro è chia­ro, la situazione definita. Le posizioni dei 172 impu­tati già analizzate e le loro scelte comunicate al giudi­ce. Ottanta di loro hanno optato per il rito abbrevia­to, in 15 hanno accettato la cosiddetta applicazione della pena in continuazio­ne con vecchie sentenze, gli altri 77 imputati hanno scelto di affrontare l’udien­za preliminare sperando in un proscioglimento, ma ri­schiando in realtà il rinvio a giudizio.
I primi risultati della lunga udienza preliminare del processo Minotauro sono emersi ieri, al temine d el l’undicesima udienza celebrata nell’aula bunker delle Vallette davanti al gup Francesca Christillin. Gli ottanta imputati che hanno optato per l’abbre­viato si ritroveranno di fronte al giudice Riccardo Trevisan a partire dal pros­simo 28 maggio, mentre per i 77 che hanno scelto di ” gioc arsela” in udienza preliminare saranno in programma le repliche a partire da lunedì 21 mag­gio. Per questi ultimi, la comunicazione dell’even­tuale rinvio a giudizio, o al contrario del prosciogli­mento, avverrà il 25 mag­gio. Nello stesso giorno verrà definita la posizione dei 15 imputati che hanno optato per l’applicazione della pena. Tra i 77 perso­naggi che hanno deciso di affrontare l’udienza preli­minare compare anche l’ex sindaco di Leini Nevio Co­ral, il cui legale di fiducia, l’avvocato Roberto Mac­chia, si è nel frattempo as­sociato alla richiesta di rin­vio a giudizio già avanzata dai pubblici ministeri.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 10 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo