Cronaca

Andreotti dato per morto, il senatore ci scherza su: “Porta bene”

“Porta bene, allunga la vita”. Con questa battuta il senatore Giulio Andreotti ha commentato l’errore di Wikipedia, che ieri alla notizia del suo ricovero, lo aveva dato per morto. A riferirlo è la sua segretaria Patrizia Chilelli, che questa mattina ha fatto visita ad Andreotti al policlinico Gemelli di Roma. ‘Il senatore – riferisce la segretaria – vuole andare a casa, ma dovrà restare in ospedale ancora per alcuni giorni. Sta meglio di ieri ed ha riposato tutta la notte”.

Il senatore ha trascorso una notte tranquilla. Secondo quanto si apprende da fonti sanitarie il senatore è in lento e progressivo miglioramento delle condizioni generali e cadiorespiratorie. Rimane sempre ricoverato nel reparto di Terapia intensiva.

Marco Ravaglioli, genero di Andreotti, ha riferito che il senatore “é sereno, respira da solo e ha chiesto la comunione”. La figlia di Andreotti, alcuni amici di famiglia e i nipoti sono giunti in ospedale per fare visita al senatore. Dopo aver parlato con i medici sono entrati nel reparto di rianimazione per giungere alla stanza 17, dove Andreotti è ricoverato. “Andreotti è molto religioso – ha spiegato Ravaglioli – riceve tutte le mattine la comunione e per questo ne ha fatto richiesta anche oggi. Sta meglio, è più vivace di ieri ma parla ancora a fatica. E’ contento che lo si vada a trovare ed è molto bene accudito”. Ravaglioli ha anche spiegato che “il figlio di Andreotti, Lamberto è in arrivo dagli Stati Uniti”. La moglie del senatore, Livia, “non è potuta venire (é molto anziana) ma si informa costantemente sulle sue condizioni di salute”.

Sono tante le personalità istituzionali e non che hanno telefonato per informarsi sulle condizioni di Giulio Andreotti, da ieri ricoverato al policlinico Gemelli di Roma. Anche il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, attraverso la sua segreteria, il presidente del Senato Renato Schifani e tanti altri. A riferirlo è Marco Ravaglioli, genero di Andreotti. Le telefonate arrivano tutte alla sua segretaria Patrizia Ghirelli. A far visita ad Andreotti stamane anche l’avvocato e parlamentare Giulia Bongiorno, che fu suo legale nel processo in cui il senatore era accusato di associazione mafiosa.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo