img_big
Spettacolo

La voce di Radio Milan? E’ una “gobba”

Con i rossoneri arriva­ti a -1 dai bianconeri e il campionato ria­perto si prospettano tempi duri per la bellissima da calendario Sandra Liutke­viciute, ultima “dea” en­trata nell’Olimpo juventi­no. Ma a differenza delle altre girls tifose della Vec­chia Signora Sandra ha una particolarità: è la voce fem­minile di “Radio Milan”, l’emittente radiofonica della squadra di Allegri. Un controsenso che si è riusciti a digerire solo da­vanti a cotanta grazia: li­tuana, occhi verdi, fotomo­della, Sandra ha studiato business e commercio, par­la quattro lingue, compre­so arabo e russo, e lavorato a “Mai dire Grande Fratel­lo” e “Guida al campiona­to”. Le ragioni del cuore e quelle del lavoro in questi giorni si faranno sempre più marcate. «L’unico di­fetto che ho, mi hanno det­to, è sono una “gobba” ju­ventina » racconta. Una passione sfrenata quella di questa bionda per il club di corso Galileo Ferraris: ogni volta che i la squadra di Conte scende in campo mette una sua foto con ma­glietta e calzettoni bianco­neri su facebook. Superstizione? Forse, ma i tifosi apprezzano.
La più bella partita che ha visto? « Inter- Juve 1- 2 di quest’anno – risponde -. Vi­sta con un amico interista. Sennò che gusto c’è…». Lo juventino del cuore? «Del Piero for ever – continua ­. Grande giocatore, bellissi­ma persona”. E a proposito di Alex e del mancato rin­novo del contratto la tifosa più bella lancia un appello: “faccio raccolta di firme per convincerle il presi­dente Andrea Agnelli. Pre­sidente ci ripensi, non ci strappi il cuore…».
Sandra non disdegnerebbe una serata romantica con Borriello. In attesa di ag­guantare lo scudetto, Mar­chisio e compagni possono comunque contare sull’en­nesima tifosa da urlo. Dopo Laura Chiatti, Maddalena Corvaglia, Vittoria Risi e Cristina Chiabotto (che in questi giorni ha stroncato sul nascere le voci di un possibile spogliarello in casa di scudetto) ecco una new entry che sugli spalti sa fare proprio una bella figura…

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo