img_big
News

Lo show di Grillo in tribunale: «I No Tav? Persone perbene»

 Ha difeso i No Tav: «Sono persone perbene». Ha attac­cato i tribunali: «Il senso del­la giustizia io non lo capisco piu». E ha posto infine l’accento sull’ennesimo spreco di denaro pubblico da parte dello Stato: «Spendiamo sol­di per fare un processo sulla rottura di un sigillo volato via col vento: ma scherziamo?». Il “Beppe Grillo show” è an­dato in scena ieri mattina dentro e fuori l’aula 3 del Pa­lagiustizia di Torino, dove il comico genovese si è presen­tato per rispondere, assieme ad altre 21 persone, della vio­lazione dei sigilli posti dalle forze dell’ordine alla baita abusiva che i manifestanti No Tav avevano costruito in Val Clarea nel dicembre 2010 nel tentativo di impedire l’inizio dei lavori per il passaggio dell’alta velocità ferroviaria. L’udienza che ha aperto il processo è durata poco più di un paio d’ore, poi il giudice Alessandra Danieli ha dispo­sto un rinvio: si tornerà in aula il prossimo 18 luglio.
Quello che si è aperto ieri, per il comico genovese è un «pro­cesso assurdo, un processo che non sta nè in cielo nè in terra: tutto questo – ha infatti spiegato Grillo poco prima dell’inizio dell’udienza – è ac­canimento vero e proprio nei confronti di inermi. E affron­tare così duramente gli iner­mi – ha proseguito il comico ­rappresenta una debolezza della giustizia per giustifica­re un buco da 22 miliardi che non faranno mai, che è la Tav. È proprio la giustizia che è in crisi». «Quello della giustizia – ha infatti spiegato il comico – è un sistema che non funzio­na più: non puoi mettere in moto una causa che costerà centinaia di migliaia di euro per la rottura di un sigillo. A Viareggio sono morte brucia­te decine di persone e dopo 3 anni non c’è ancora il proces­so.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 4 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo