img_big
Cronaca

Case sfitte, il governo pensa alla “super” Imu

Il Senato ha approvato in via definitiva il decreto fiscale nel quale era inserita anche l’Imu, la tanto odiata tassa sulla casa. Ma non sembra esserci ancora certezza sull’entità di tale imposta. Se a luglio, dopo la prima rata, il gettito sarà inferiore alle attese, il governo si è ritagliato la possibilità di rivedere l’imposta. E allo studio c’è la possibilità di inserire una “super” Imu per le case sfitte.
L’idea nasce più che altro dai sindaci. Piuttosto che rivedere le aliquote sulle prime case, è meglio andare a rastrellare i fondi necessari dalle seconde o meglio ancora dai possessori degli immobili che lasciano gli appartamenti vuoti. E poco importa se la casa in questione è quella al mare o in montagna: se è vuota, è vuota. E anche inutile pensare al sotterfugio di far risultare come inquilino un proprio figlio. Insomma, tutte le strade elusive dell’Imu saranno chiuse.

Meglio tassare i “non” elettori
Il motivo per cui i sindaci sono più propensi a tartassare le case vuote è presto scoperto: molto spesso le case vuote sono appunto appartamenti utilizzati per le vacanze. Stiamo quindi parlando di proprietari che non risiedono nel comune relativo all’immobile e quindi non sono potenziali elettori dei sindaci in questione nelle cui mani c’è la possibilità di aumentare o diminuire l’aliquota della tassa.

Da recuperare 21 miliardi
Ma quando sapremo se l’Imu verrà ritoccata? Probabilmente già a luglio. Dopo la prima rata dell’imposta, il governo farà i conti e scoprirà se le attese sono state deluse o meno. In bilancio l’esecutivo Monti ha previsto di raccogliere 21 miliardi dall’Imu (11 all’Erario e 10 ai comuni). Se tale obiettivo non sarà centrato ecco che arrivano le nuove proposte.

Improbabile che sia “una tantum”
La stessa cifra, i 21 miliardi di euro, sono stati inseriti anche nel bilancio 2013, quello del pareggio tanto per intenderci. E’ dunque improbabile che, come sperano nel Pdl, l’Imu sulla prima casa diventi “una tantum” solo per il 2012.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo