img_big
News

L’ultimo sms alla ex poi va sotto casa sua e si dà fuoco in auto

 Un messaggio sul telefonino, l’ultimo, per dirle quanto l’amasse. Poi il viaggio, in auto, sotto casa di lei, il luogo scelto per farla finita tra le fiamme. Pierluigi B., pensionato di 64 anni che lavorava saltuariamente come elettricista, è morto ieri pomeriggio al Cto: aveva il corpo coperto per il 98 per cento da pro­fonde ustioni. Erano le tre di notte quan­do ha lasciato la sua casa di via Vittorio Emanuele a Chieri e, a bordo della sua Fiat Panda, ha rag­giunto il piazzale di fronte alle case po­polari di via Monti.
Il racconto della sua tragica fine è terribi­le. Per una tragica coincidenza, una delle prime persone ad accorgersi di tut­to è proprio la figlia della sua ex convi­vente: dalla finestra del bagno, vede l’utili­taria avvolta dalle fiamme e, lì accanto, un uomo ridotto ormai a una torcia umana. La giovane chiama la madre: insieme, assisto­no al rogo, sentono Pierluigi urlare «Voglio morire», sentono l’esplosione che sventra la Panda. Qualcuno scende per aiutarlo. Poi, le sirene delle ambulanze chiamate dai vicini e dei carabinieri. La Croce Rossa di Chieri lo trasporta prima all’ospedale Maggiore poi al Cto di Torino, dove muore intorno alle 14.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 25 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo